Lonely Planet Magazine Italia

A POCO A POCO LA MAGIA DELL’ISOLA CI AVVOLSE...

L’ELEGANTE INTRECCIO DI VIUZZE lastricate che compone la parte antica di Kerkyra, o Corfù Town, capoluogo dell’isola ionica, offre scorci indimenticabili di una città che ricorda Venezia ma in miniatura: tetti con mattoni rossi, persiane verdi, vicoli tortuosi, edifici ravvicinati e panni appesi ai fili dei balconi. Non fosse per il clima tipicamente mediterraneo e i toni caldi che contraddistinguono quest’isola greca dalle atmosfere bizantine, sembrerebbe davvero di passeggiare per una calle della Serenissima.

Il centro storico è un labirinto di luoghi intimi tutto da scoprire, con i suoi originali musei dalle ricche collezioni, palazzi dipinti di giallo, chiese antiche e cortili nascosti dietro alle alte facciate. Perdersi è la parola d’ordine per apprezzare questa città che galleggia sull’acqua abbracciata da due colline su cui si ergono le due fortezze che la dominano. La Nuova Fortezza, costruita sopra al porto, e Palaio Frourio, la vecchia fortezza veneziana separata dal resto della città da un largo fosso con spesse mura, bastioni, successive fortificazioni e resti di vari edifici: una prigione, la Torre dell’Orologio, la cappella di San Giorgio edificata nel 1840 dagli inglesi quando Corfù era un protettorato britannico, caserme e un vecchio ospedale militare. Il colpo d’occhio, dalla cima, è impressionante:, pubblicato in Inghilterra nel 1956, che nel corso degli anni ha ispirato tanti viaggiatori a visitare quest’isola magica. Insieme alla sua bizzarra famiglia, lo scrittore e biologo inglese visse qui cinque anni, passando le sue giornate tra spiagge, campagne, lezioni di storia, letteratura e biologia, insieme ai tre fratelli, alla madre, ai loro amici e a un numero indefinito di animali. Ne nasce un racconto unico dal punto di vista botanico e zoologico, ma anche un’originale lettera d’amore a un’isola che è talmente bella da sembrare, a tratti, irreale.

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Lonely Planet Magazine Italia

Lonely Planet Magazine Italia1 min read
13. Yosemite National Park
Nel 1861, un fotografo di nome Carleton E. Watkins si è trascinato dietro circa una tonnellata di attrezzatura per la Yosemite Valley e ha iniziato a fotografare le mastodontiche fiancate di granito delle montagne, le sequoie giganti e le fragorose c
Lonely Planet Magazine Italia4 min read
10. Cagliari
LA CHIAMANO “LA CITTÀ DEL SOLE” – la definizione, del 1963, è dell’antropologo Francesco Alziator – perché vanta un cielo limpido per la maggior parte dell’anno. Ma la bellezza del capoluogo sardo risplende anche con le nuvole: il fascino monumentale
Lonely Planet Magazine Italia10 min read
19. Tunisia, Vacanze Romane
MOLTO TEMPO FA, sulle sponde meridionali del Mediterraneo sorgeva una potente città. Cartagine era conosciuta in tutto il mondo come la città splendente, una metropoli quasi mitica dove magnifici templi erano arroccati sulle cime delle scogliere e to

Related