Mistero Magazine

VEROLENGO tra spettri e leggende

Nella zona al confine tra le province di Torino e Vercelli esiste un luogo particolare e curioso, al centro di molte leggende. Si tratta di Verolengo, l’ultimo comune della città metropolitana di Torino prima che cominci la provincia di Vercelli.

Nato su un insediamento forse di origine germanica, era posto sulla strada romana Torino-Pavia, allora importante arteria commerciale che metteva in comunicazione l’Italia nord-occidentale con la Gallia.

Nelle aree oggi denominate Quarino Bianco e Quarino Rosso sorse, forse intorno al secondo secolo avanti Cristo, la Mansio Quadrata, stazione di posta menzionata negli Itineraria romani, originariamente con la funzione di tappa, paragonabile alle moderne stazioni di servizio o autogrill, e che avrebbe avuto successivamente importanza sia come nodo stradale, sia come centro militare e strategico durante il Basso Impero.

Non sono mancati interessanti ritrovamenti archeologici che documentano la presenza dell’insediamento.

Successivamente Verolengosotto il controllo dei Gonzaga, duchi di Mantova. Il trattato di Cherasco segnò il passaggio definitivo a Casa Savoia, che lo governò fino all’unificazione dello Stato italiano. Ci fu solo una parentesi durante l’età napoleonica, in cui Verolengo venne incorporato nel territorio francese.

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Mistero Magazine

Mistero Magazine2 min read
Magie di PRIMAVERA
Al Lingotto Fiere di Torino si svolge il Salone Internazionale del Libro: il tema di quest’anno, Vita immaginaria, ispirato all’omonimo saggio di Natalia Ginzburg, invita a un viaggio nella creatività. Nel programma anche un incontro dedicato al cent
Mistero Magazine1 min read
SEGRETI Sotterranei
Benvenuti nel regno degli enigmi digitali, dove il confine tra realtà e fantasia si dissolve, dando vita a dibattiti nel vasto universo online. In questa nuova avventura virtuale, esploreremo tre enigmi che rapiscono l’immaginazione dei navigatori de
Mistero Magazine7 min read
Il Conte DRACULA In Sud Italia?
«All’interno c’era un vecchio, alto, sbarbato ma con lunghi baffi bianchi, vestito di nero dalla testa ai piedi: neppure una nota di colore in tutta la sua persona». Questa descrizione lapidaria la ritroviamo in uno dei libri gotico-horror tra i più

Related