Freedom - Oltre il confine

OUMUAMUA COMETA, ASTEROIDE O NAVE ALIENA?

Ha un nome che sembra un vero scioglilingua e, da quando è stato avvistato per la prima volta nel 2017, ha portato più dubbi che certezze, causando un vero bailamme di teorie e ipotesi sulla sua natura e sulla sua provenienza. In pochissimo tempo è diventato una vera star del firmamento, attirando l’attenzione di esperti e appassionati ma anche di giornali, televisioni e siti web. Parliamo di Oumuamua, il primo asteroide interstellare entrato nel nostro Sistema Solare da quando l’uomo scandaglia i cieli con i suoi telescopi.

Viene definito interstellare perché si sa che non è nato nel nostro Sistema Solare ma proviene quasi sicuramente da un’altra stella. Per questo porta un nome così bizzarro e incomprensibile. In Hawaiano infatti Oumuamua significa “messaggero che arriva, per primo, da lontano” (?ou significa “raggiungere” e mua “prima, in anticipo”).

Ma Oumuamua è stato chiamato in molti altri modi, da sigaro spaziale a saponetta cosmica, fino a turista interstellare. Un turista che ha percorso miliardi di chilometri per venire a farci visita, anche se per un tempo ristretto, che ci ha permesso solo in minima parte di carpirne i segreti. Vediamo insieme cosa siamo riusciti a conoscere di lui.

Lo strano corpo celeste è stato scoperto il 18 ottobre 2017 dal team che lavora al

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Freedom - Oltre il confine

Freedom - Oltre il confine1 min read
Il Prossimo Numero VI Aspetta In Edicola Il 20 Luglio
ANCHE CON I DUE LIBRI ALLEGATI SEPARATAMENTE ■
Freedom - Oltre il confine5 min read
L’uomo Che Inventò Le Olimpiadi Moderne
Pierre de Frédy, barone de Coubertin, era nato a Parigi il 1° gennaio 1863 da Charles-Louis, pittore di una certa notorietà, specializzato in soggetti sacri, e da Agathe-Gabrielle de Crisenoy de Mirville, nobildonna di origini normanne. La famiglia p
Freedom - Oltre il confine11 min read
Pasto Di Sangue
Se vi chiedessero a bruciapelo qual è il predatore più letale al mondo, forse rispondereste la tigre, lo squalo o magari il coccodrillo del Nilo, che considera gli esseri umani parte della sua dieta e miete centinaia di vittime nei 26 Paesi dell’Afri

Related