Superyacht

LA MATEMATICA E GLI AC75 La CFD per studiare le performance di una barca

Il computer è oramai uno strumento che ci guida e ci assiste in ogni nostra attività, uno strumento di cui non possiamo più fare a meno. Se questo è vero nella nostra vita quotidiana, è ancor più vero in una qualsiasi attività di progettazione, compresa la progettazione di un’imbarcazione.

Ma, quando oggi si progetta una barca, con il computer non solo si disegna lo scafo e gli arredi per realizzare quelle bellissime immagini (render) e video che ci fanno sognare di essere già a bordo. Il computer è, infatti, utilizzato anche per fare i calcoli delle strutture e per disegnarle, per verificare la stabilità della barca, per tagliare le lamiere e le seste, per costruire, con frese a controllo numerico e stampanti 3D, parti e componenti della barca, fino all’intera imbarcazione. Non solo! Il computer è sempre più utilizzato anche per prevedere il comportamento idrodinamico dell’imbarcazione stessa, la sua resistenza al moto, il suo comportamento su onde, le prestazioni del propulsore o dei propulsori. Stiamo parlando della Computational Fluid Dynamics, meglio conosciuta con il suo acronimo CFD. O simulazione numerica se vogliamo rimanere in Italia.

Sviluppatasi di pari passo con il progresso dei computer, oggi la CFD è diventata molto affidabile ed è utilizzata in modo intensivo un po’ ovunque, a partire da quei contesti dove si ricercano prestazioni di rilievo, come ad esempio il mondo delle gare. Proprio per lo sviluppo degli AC75 dell’ultima America’s Cup, i monoscafi volanti che hanno regatato ad Auckland lo scorso anno, la CFD ha avuto un ruolo determinante per disegnare ed ottimizzare le forme di carena, le vele e l’albero, i foil, le ali su cui queste

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Superyacht

Superyacht2 min read
Perini Navi Ketch 56 M
Dopo aver acquisito Perini Navi, The Italian Sea Group ha stretto un accordo di collaborazione con lo studio Malcolm McKeon Yacht Design per lo sviluppo della nuova gamma di yacht a vela. Il primo modello nato da questo accordo è un ketch di 56 metri
Superyacht2 min read
Eco Yachting Al Metanolo
“Superyacht sostenibile” suona come un ossimoro. Oggetti progettati per l’eccesso in genere stridono quando si tratta dell’ambiente. Tuttavia, negli ultimi anni, nel mondo dei superyacht c’è stata una crescita incommensurabile in termini di innovazio
Superyacht1 min read
Pininfarina-de Simoni X2
Dopo aver annunciato la partnership, Pininfarina Nautical e Fluvio De Simoni Yacht Design hanno partecipato allo scorso Monaco Yacht Show mostrando l’innovativo progetto X2. Il nuovo concept fa seguito al catamarano presentato qualche mese fa, e rigu

Related