Freedom - Oltre il confine

IL CAMMINO DI SANTIAGO LA VIA DELLE STELLE

Secondo lo scrittore francese Louis Charpentier, il percorso del Cammino di Santiago sarebbe stato creato migliaia di anni fa da un antico popolo arrivato dal mare.

Quando si parla del Cammino di Santiago si pensa immediatamente a un viaggio fatto con l’anima oltre che con il corpo. Le centinaia di chilometri percorsi a piedi per raggiungere la città che custodisce le reliquie dell’apostolo Giacomo Maggiore sono un vero e proprio viaggio fisico e spirituale, che molti pellegrini decidono di affrontare per varie ragioni. C’è chi lo fa per la fede, chi per la ricerca di una nuova vitalità, chi perché è a caccia di avventura o vuole esplorare i propri limiti o ancora per via di eventi complessi che la vita gli ha messo davanti, come una malattia o una delusione d’amore. I motivi per imbarcarsi in questa sfida contro sé stessi possono essere i più svariati, come svariate sono le strade che possono essere affrontate per raggiungere Santiago: il tracciato francese, quello inglese, quello portoghese, solo per citarne alcuni. Tutti questi differenti cammini hanno rappresentato delle vere e proprie antiche autostrade che consentivano ai pellegrini europei di raggiungere la cittadina di Compostela. Da lì erano in molti poi a spingersi fino alla vicina località di Finisterrae, sulle coste dell’Atlantico, che era considerata, come si evince dal toponimo, la fine della Terra. Per secoli, dunque, un enorme flusso di persone si è spostato da tutta Europa verso Ovest, fino ad arrivare all’oceano. Quell’oceano che per secoli è stato considerato il confine del mondo conosciuto.

UN CAMMINO ALTERNATIVO

Esiste però una teoria alternativa, proposta dallo scrittore francese Louis Charpentier, che letteralmente rovescerebbe il senso di questo percorso. Una tesi ardita, ovvero che il tragitto del Cammino di Santiago sarebbe stato creato migliaia di anni fa da un antico popolo arrivato

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Freedom - Oltre il confine

Freedom - Oltre il confine1 min read
I Capodogli Parlano Tra Loro In Dialetto
Con una lunghezza che può arrivare fino a quasi 20 metri, il capodoglio è il più grande predatore del mondo, in grado di nuotare in apnea per due ore spingendosi fino a oltre 2200 metri di profondità. Un nuovo studio della Dalhousie University di Hal
Freedom - Oltre il confine1 min read
Scoperto Meccanismo Comune A Tutti Gli Animali
Si tratterebbe del principio che regola le più importanti connessioni tra i neuroni, una sorta di vero e proprio chip che consente di pensare, apprendere, comunicare e muoversi. Lo hanno reso noto i ricercatori dell’Università della Città di New York
Freedom - Oltre il confine1 min read
Freedom Fan Club
È capitato tante volte di trovarci faccia a faccia con un animale: una salamandra, tanti pipistrelli, ragni, diversi volatili, cani, gatti e anche squali. Entrare nei posti rispettando chi li abita è anche questo, più che un piccolo rischio possiamo