Food&Wine Italia

Nuove memorie gastronomiche

Cuochi di altre nazioni e di altri continenti non solo oggi hanno due passaporti ma anche due (o più) bagagli gastronomici

a rumore la fuga dei cervelli ma poco si parla dei loro arrivi e mentre gran parte del mondo ha conosciuto la pasta e la pizza grazie alle migrazioni dei nostri (bis) nonni, oggi sono proprio i nuovi nativi o naturalizzati italiani, giunti più o meno da lontano, a preparare alcuni dei piatti più buoni della Penisola. Cuochi di altre nazioni e di altri continenti divenuti italiani d’adozione che, a forza di spadellare e impastare nei nostri ristoranti e nelle nostre pizzerie, non solo oggi hanno due passaporti ma anche due (o più) bagagli gastronomici. In casa Kondo-Lopez le nazionalità sono tre: quella messicana di lei, la giapponese di lui e l’italiana per entrambi e per la loro bambina, nata nel cuore dell’Emilia Romagna. «Ho vissuto più a Modena che a Tokyo – afferma Takahiko (detto Taka) Kondo, dal 2005 nel sistema del Lider Maximo di Osteria Francescana – e a Campazzo la signora Lidia (esatto, la rezdora che è stata la maestra di Bottura) mi ha insegnato a chiudere i tortellini: per me è

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Food&Wine Italia

Food&Wine Italia2 min read
Classici Con Brio.
NEL QUADRILATERO DELLA MODA DI MILANO, dal punto di vista gastronomico, si gioca un campionato a parte. È quello della cucina d’albergo, che intorno al distretto di Montenapoleone si esprime con risultati di qualità e personalità. In una quieta metà
Food&Wine Italia1 min read
Food&Wine Italia
ITALIA APRILE-MAGGIO 2024 - ANNO VI - NUMERO 3 DIRETTORE RESPONSABILE Federico De Cesare Viola f.decesareviola@foodandwineitalia.com SENIOR EDITOR Luciana Squadrilli DIGITAL EDITOR Andrea Martina Di Lena ASSISTANT EDITOR Leonardo Samarelli ART DIREC
Food&Wine Italia7 min read
La Svolta Di Bangkok.
DA POTONG, UN LOCALE DI ALTA CUCINA sino-thailandese nascosto nei labirinti di Chinatown a Bangkok, ogni ospite trova accanto al piatto una lettera indirizzata ai nonni della chef e proprietaria Pichaya “Pam” Soontornyanakij. «Cerco non solo di salva

Related