Nautica

Un uomo di nome THOR

Da millenni il coraggio e l’amore per l’avventura spingono l’uomo a confrontarsi con la natura. E quando si è trattato di confrontarsi con l’oceano, di imprese pazze - soprattutto negli ultimi decenni - se ne sono contate molte. Oggi la traversata dell’Atlantico è offerta in charter, quasi fossero due pieghe fuori porto, ma c’è stato anche chi per amore dell’impresa ha voluto compierla a remi, poi in windsurf, poi addirittura su un SUP. Ci aspettiamo che qualcuno prima o poi si faccia avanti con un pedalò, o magari con una cuffia e un paio di pinne. Certo sono state tutte imprese estreme ma compiute in sicurezza, con l’assistenza dei moderni mezzi di comunicazione e la (quasi) certezza di essere soccorsi in caso di problemi. Soprattutto sono state imprese prevalentemente sportive.

Bene, fatta la necessaria premessa, ora cancellate tutto, riavvolgiamo il nastro, e parliamo di un’impresa folle che più folle non poteva essere per una serie di motivi che vedremo più avanti, a partire dal fatto che non si è svolta dieci o quindici anni fa, ma nell’ormai lontano 1947, quando per certe cose bisognava essere marinai, ma di quelli veri. Però bisognava anche essere uomini, con una fede e una tenacia oggi forse perdute. Quelle che indubbiamente aveva Thor Heyerdahl, che però non aveva idea di come si governasse una barca. La sua unica certezza era che la rotta su cui voleva avventurarsi era già stata percorsa molti secoli prima, con lo stesso mezzo alquanto rustico che intendeva utilizzare. Se oggi si chiede a un ragazzo cosa sia il Kon-Tiki è assai probabile che risponda…un bel locale dove servono ottimi aperitivi. Per gli appassionati di mare di pelo ormai bianco, invece, quel nome riporta a un’impresa che per le difficoltà della preparazione e per come fu portata a termine va considerata assolutamente leggendaria.

UNA CIVILTÀ SCONOSCIUTA

Thor Heyerdahl non era decisamente un tipo comune, perché non a tutti verrebbe in mente di andare a passare il proprio viaggio di nozze, lungo un anno, in

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Nautica

Nautica2 min read
Zar 130 Imagine
Di Maxi Rib oltre i 12 metri se ne sono già visti molti. Battelli eccellenti, certamente anche spettacolari, ma non sempre in grado di mantenere le caratteristiche tecniche proprie di un gommone. Ed è questo uno degli aspetti più significativi colti
Nautica7 min read
La legge “Salvamare”
Anche per questo mese la nostra attenzione è incentrata sull'ambiente marino. Il 25 giugno 2022, un po’ in sordina direi, dopo un iter di quattro anni è entrata in vigore la legge 17 maggio 2022, n. 60 recante "Disposizioni per il recupero dei rifiut
Nautica3 min read
SUPER-RECORD per Giovanni Soldini su MASERATI
Maserati Multi 70 apre l’anno con un record. Alle 15.45 ora di Granada, le 20.45 in Italia, Giovanni Soldini e il suo equipaggio a bordo di Maserati Multi 70 hanno tagliato il traguardo della RORC Transatlantic Race impiegando 5 giorni, 5 ore, 45 min

Related Books & Audiobooks