Lonely Planet Magazine Italia

VITA SUL PASSO

CI VOGLIONO CIRCA CINQUE minuti in auto per attraversare la galleria del Gran San Bernardo. Cinque minuti per percorrere meno di sei chilometri sotto le Alpi e varcare il confine italo-svizzero: piazze e pizzerie da un lato, chalet di legno e negozi di orologi dall’altro. Un tempo appena sufficiente a un automobilista per canticchiare il “Nessun dorma” di Puccini o cimentarsi con qualche breve jodel. Esiste però un itinerario più antico che corre direttamente sopra la testa degli automobilisti nella galleria: sopra il tettuccio della macchina, sopra strati di rocce metamorfiche e una crosta di ghiaccio e neve, in alto tra le cime dove l’aria è rarefatta e gli aerei di linea in cielo non sembrano poi così lontani. È il Passo del Gran San Bernardo, una strada ghiacciata che rappresenta uno dei percorsi più infidi e ricchi di storia d’Europa.

“L’estate e l’inverno sono due mondi diversi lassù”, spiega Eric Berclaz appoggiandosi ai suoi bastoncini da sci ai piedi del passo. “L’estate non è un problema. Invece in inverno devi sapere quello che fai”.

“Il Passo del Gran San Bernardo è immerso nel mondo di Narnia”

Eric è la mia guida per la salita e il suo lavoro consiste anche nel contribuire a decidere quando il Passo del Gran San Bernardo può essere aperto alle auto per la stagione estiva. “Estate” nel senso più ampio della parola: solo per due o tre mesi all’anno la neve si scioglie abbastanza da permettere ai turisti di guidare fino alla

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Lonely Planet Magazine Italia

Lonely Planet Magazine Italia4 min read
È Già Tempo Di Ripartire
General Manager Lonely Planet Trascorrerò l’estate a casa. Vivo nel bellissimo Lake District National Park, nel Regno Unito, e preferisco viaggiare quando da queste parti fa notte presto e piove spesso. Proprio in questi giorni sto programmando un v
Lonely Planet Magazine Italia1 min read
Editoriale
Raccontano che una divinità salvò uomini finiti in mare trasformandoli in delfini. Li abbiamo visti giocare a Flores, la più occidentale delle Azzorre. L’arcipelago portoghese è una delle 20 variopinte proposte per l’estate con cui Lonely Planet maga
Lonely Planet Magazine Italia4 min read
11. Lima
LIMA SI PRESENTA DALL’ALTO DELLA MAESTOSA SCOGLIERA CHE GUARDA L’OCEANO e ti conquista il cuore, i sensi e soprattutto il palato. Patria di cocineros speciali come Virgilio Martinez Véliz, Gastón Acurio Jaramillo, Ricardo Martins, anche quest’anno si

Related