Mistero Magazine

MASCHERE DI PIOMBO, un inesplicabile cold case

Gli inquirenti si trovarono di fronte a un tableau vivant del tutto particolare, assimilabile senza troppi problemi a una vera e propria opera d’arte

Ruben De Luca, in Omicida e artista, ipotizza un pronunciato parallelismo fra omicidio seriale e creazione artistica, evidente soprattutto in rapporto alle arti visive. Da esso prenderemo spunto, nonostante per questa oscura vicenda – meglio dirlo subito – non si possa parlare di serial killer (il caso che tratteremo è semmai un unicum, anche se si è cercato di collegarlo ad altri eventi che presentano aspetti simili), e forse neppure di assassinio (che si tratti di un duplice omicidio, infatti, non è certo). Tuttavia le morti di cui ci occuperemo lasciarono agli inquirenti/spettatori – assai più di tanti delitti commessi da criminali multipli – un tableau vivant del tutto particolare, assimilabile senza troppi problemi a una vera e propria opera d’arte. Ossia un mistero da risolvere con le armi della ragione, e forse da punire con quelle della legge, ma anche un puro enigma estetico, e come tale suscettibile di interpretazioni molto diverse fra loro.

L’AMBIENTE

Nel Brasile degli anni Sessanta si potevano incontrare tipi assai particolari, i cosiddetti «spiritualisti scientifici», ovvero individui che lavoravano in ambiti come la chimica, la biologia o l’elettronica, ma che, ben lungi dall’essere preda di uno scettico e solido materialismo, inspiegabilmente erano invece affiliati a circoli esoterici. Forse reagivano così alla realtà quotidiana fatta di microscopi e prese elettriche, chissà… Stranezze dell’animo umano! Naturalmente gente del genere correva il rischio di diventare vittima di pesanti prese in giro, o peggio ancora di imbrogli architettati allo scopo di derubarla. Dato il loro livello di istruzione, tuttavia, i malcapitati erano sì creduloni ma scientificamente competenti; il che significava che non si sarebbero bevuti qualsiasi stupidaggine: occorreva un minimo di elaborata verosimiglianza e di “filosofia” nella storiella da propinar loro. I truffatori «la “fantasia”, ovvero la modalità di tipica dell’assassino seriale » (Mastronardi/De Luca, ). In altri termini, quelli del John Douglas, a tali delinquenti sarebbe importata la “messa in scena”, e non la “messa in posa”: «“La messa in scena” […] compare nei crimini in cui il soggetto cerca di depistare le indagini inducendo la polizia a farsi dell’accaduto un’idea non rispondente al vero. La “messa in posa” costituisce la “firma”, ovvero ciò di cui l’assassino non può fare assolutamente a meno, qualunque cosa essa sia, per avere la soddisfazione tanto ricercata, soddisfazione che può benissimo non avere un immediato collegamento con l’omicidio».

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Mistero Magazine

Mistero Magazine6 min read
ALBINO LUCIANI, il Papa dei 33 giorni
In tutta la storia del papato del Novecento forse non c’è una figura così controversa come quella di Albino Luciani. Il motivo è da ricercarsi nella crescente spaccatura tra la versione ufficiale della sua morte improvvisa, avvenuta il 28 settembre 1
Mistero Magazine7 min read
Il Conte DRACULA In Sud Italia?
«All’interno c’era un vecchio, alto, sbarbato ma con lunghi baffi bianchi, vestito di nero dalla testa ai piedi: neppure una nota di colore in tutta la sua persona». Questa descrizione lapidaria la ritroviamo in uno dei libri gotico-horror tra i più
Mistero Magazine1 min read
SEGRETI Sotterranei
Benvenuti nel regno degli enigmi digitali, dove il confine tra realtà e fantasia si dissolve, dando vita a dibattiti nel vasto universo online. In questa nuova avventura virtuale, esploreremo tre enigmi che rapiscono l’immaginazione dei navigatori de

Related