Food&Wine Italia

PLANT-POWERED PaSTRY

QUESTA È UNA VERITÀ INCONFUTABILE: migliori sono gli ingredienti, più buono riuscirà il dolce. Per la pasticceria vegana, la qualità è ancor più fondamentale. Normalmente, i prodotti caseari quali burro e latte favoriscono la consistenza e il sapore dei prodotti da forno. Per quanto riguarda le versioni con ingredienti di origine vegetale, i sostituti più adatti sono i prodotti ricchi di grassi (vedere “Ingredienti chiave”, pag. 111), che donano ai dolci da forno vegani una crosta morbida. Quando si tratta di trovare alternative alle uova potete usare l’aquafaba, il liquido inodore e incolore che si trova in barattoli e vasetti dei ceci. Tre cucchiai di aquafaba possono sostituire un uovo intero, ottenendo lo stesso risultato che ha quest’ultimo di legare l’impasto. Sono questi gli unici ingredienti speciali che vi serviranno per preparare pasticcini vegani che piaceranno a tutti. Se vi va qualcosa di dolce e vivace, fate i Cupcake alle more e cardamomo con frosting al limone (pag. 111). Per un dessert di grande effetto, optate per la Torta di amarene al pepe nero (pag. 112). Il Gelato vegano di bacche di vaniglia (pag. 117) può essere mangiato da solo, usato per guarnire una fetta di torta o anche messo come farcia tra due ricchi, morbidi Biscotti di segale al doppio cioccolato (pag. 114). Tutte queste ricette possono essere facilmente modificate con ingredienti di stagione. — N I N A F R I E N D

CUPCAKE ALLE

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Food&Wine Italia

Food&Wine Italia6 min read
Il Sapore Del Riscatto.
BIANCA È BRASILIANA, non ha ancora trent’anni e parla correttamente cinque lingue. L’italiano l’ha imparato tra le mura del carcere di Rebibbia dove è entrata nel 2018 per il reato di detenzione ai fini di spaccio. Fino ad allora conduceva una vita t
Food&Wine Italia7 min read
Piccola grande Torgiano.
UN PICCOLO BORGO, che qualcuno faticherebbe a collocare sulla cartina geografica, affascinante per storia e per profili, laddove tutto ancora sembra disegnarsi intorno a uomo e natura, distante dallo sviluppo schizofrenico che ha stravolto simili rea
Food&Wine Italia2 min read
Perfezione Rosa.
IN PASSATO LO CHAMPAGNE ROSATO aveva una cattiva reputazione. Addirittura, negli anni 50-60, Madame Lily Bollinger ne aveva proibito la produzione nella sua cantina. A quei tempi era la bevanda preferita nelle case chiuse di Parigi, ed era questo il

Related