Mistero Magazine

Il quadro di HITLER

Tutto è grave, manca l’aria, non c’è speranza, come davanti al plotone d’esecuzione. Ma chi sono i due figuri? E quale presagio li ha impietriti?

C’è un quadro. Ritrae una coppia di mezza età in un momento di grande inquietudine: lui, seduto al tavolino, il volto del disprezzo; lei, in piedi, rassegnata. Sullo sfondo, una fuga di stanze termina su una porta chiusa.

L’opera è stata presentata per la prima volta il 10 ottobre 2017 al Museo della Follia di Salò, parte di un progetto espositivo itinerante che porta la firma di Vittorio Sgarbi. «Nella storia dell’arte», ha spiegato il curatore, «anche prima dei casi clamorosi di Van Gogh e di Ligabue, molti sono gli artisti la cui mente è attraversata dal turbamento, che si esprimono in una lingua visionaria e allucinata. Ognuno di loro ha una storia, una dimensione che non si misura con la realtà, ma con il sogno». Ecco quindi la malattia mentale, lo straniamento, il disordine psichico nelle oltre duecento opere che affollano la mostra, tra struggimento e disperazione. C’è Bacon, c’è Basquiat, ci sono Goya, Ghizzardi e Alessandrini. E c’è l’inquieta coppia del dipinto. L’olio su tela, 40x30, è stato prestato da un collezionista tedesco che ha voluto rimanere anonimo. Le arcate ossessive, la luce bianca, i volti cupi e in

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Mistero Magazine

Mistero Magazine6 min read
FOLKLORE e Alieni
Uno degli aspetti più interessanti degli studi ufologici è stato il suo estendersi all’ambito del folklore alla ricerca di punti di contatto che potessero fornire chiavi di lettura ulteriori nel tentativo di comprendere la vera natura del fenomeno. D
Mistero Magazine9 min read
VESTITO per Uccidere
Non tutti i serial killer hanno avuto un nome preciso e non tutti hanno visto descritte le loro efferate gesta sulle prime pagine dei giornali o in tivù, ma non per questo, purtroppo, sono stati da meno dei loro più noti simili… Si aggirava per quell
Mistero Magazine7 min read
Il Conte DRACULA In Sud Italia?
«All’interno c’era un vecchio, alto, sbarbato ma con lunghi baffi bianchi, vestito di nero dalla testa ai piedi: neppure una nota di colore in tutta la sua persona». Questa descrizione lapidaria la ritroviamo in uno dei libri gotico-horror tra i più

Related