Mistero Magazine

IL RAGNO e le mosche

Sutcliffe Jugend sono uno storico gruppo di musica elettronica estrema che nel proprio nome da un lato evoca le Hitlerjugend naziste (la ben nota organizzazione giovanile di Hitler) e dall’altro, sostituendo al nome del padre del nazismo quello dello Yorkshire Ripper, vuole evidentemente indicare un esempio di crudeltà oltre il quale è ben difficile andare: nel loro caso, trattandosi di musica, basta ascoltarne qualche pezzo per trovarsi di fronte a un accurato muro di suoni ben difficile da digerire a un primo (e anche a un secondo) ascolto. L’impressione, almeno nei casi migliori, non è che si tratti della colonna sonora di un horror o ancor meglio di un torture porn, bensì di un film del genere – senza bisogno di vedere niente. Magia (nera) della Power electronics! Tuttavia pensiamo che Peter Sutcliffe (nato nel 1946 a Bingley, West Yorkshire, e tuttora detenuto nelle patrie galere senza speranza di uscirne da vivo) non apprezzerebbe affatto il genere di Kevin Tompkins e soci: i cantanti che preferiva in gioventù, infatti, andavano in una direzione quasi del tutto opposta (per esempio il rock dei Rolling Stones di ); erano decisamente più dolci e melodici, come Bob Dylan (in particolare ) o Donovan; ed esprimevano esattamente il carattere di un individuo che da bambino amava soprattutto starsene in casa, da solo e con un libro in mano, oppure dietro la gonna della madre, che come tutte le donne della famiglia aveva un’influenza assai pronunciata sui Sutcliffe. A scuola, che pure era frequentata da immigrati esteuropei e italiani, lo straniero sembrava piuttosto essere lui. Tali difficoltà di inserimento sociale e l’indole solitaria non piacevano affatto a John, suo padre: si trattava infatti del classico individuo freneticamente attivo, impegnato tanto nel teatro amatoriale come nello sport (era un discreto calciatore dilettante), o in qualsiasi altra attività capace di metterlo al centro della comunità proletaria

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Mistero Magazine

Mistero Magazine6 min read
FOLKLORE e Alieni
Uno degli aspetti più interessanti degli studi ufologici è stato il suo estendersi all’ambito del folklore alla ricerca di punti di contatto che potessero fornire chiavi di lettura ulteriori nel tentativo di comprendere la vera natura del fenomeno. D
Mistero Magazine9 min read
VESTITO per Uccidere
Non tutti i serial killer hanno avuto un nome preciso e non tutti hanno visto descritte le loro efferate gesta sulle prime pagine dei giornali o in tivù, ma non per questo, purtroppo, sono stati da meno dei loro più noti simili… Si aggirava per quell
Mistero Magazine7 min read
Il Conte DRACULA In Sud Italia?
«All’interno c’era un vecchio, alto, sbarbato ma con lunghi baffi bianchi, vestito di nero dalla testa ai piedi: neppure una nota di colore in tutta la sua persona». Questa descrizione lapidaria la ritroviamo in uno dei libri gotico-horror tra i più

Related