Lampoon Magazine

Cerith Wyn Evans in conversazione con Cornelia Lauf a thirst for fluidity, for a trans position — can art be a form of cultural diplomacy?

Cornelia Lauf: Il progetto è stato realizzato per l’Italia, un paese in cui hai lavorato spesso. La mostra all’Hangar Bicocca, intitolata ….The Illuminated Gas si riferisce al Grande Vetro dell’artista francese Marcel Duchamp, alle strutture in neon del pittore italiano Lucio Fontana e alle palme dell’artista belga Marcel Broodthaers. Contemporaneamente, la mostra ha una durezza propriamente britannica, così come il lirismo di una produzione gallese. In sintesi: uno spettacolo tutto europeo che, allo stesso tempo, non sarebbe stato possibile senza le scelte mediatiche proprie degli artisti americani del secolo scorso – come il neon o la scala di una scultura mobile di Alexander Calder. Cosa ne pensi delle nazioni e delle geografie in questa fase del Ventunesimo secolo, e del ruolo dell’arte come forma di diplomazia culturale?

Cerith Wyn Evans: Il nostro è un momento di iper-capitalismo globale, in cui le identità sono state ridotte e distillate e abbiamo a che fare con un’ecologia delle materie prime. È difficile dirlo apertamente, e lo dirò con cautela, ma penso che dobbiamo entrare nel concetto di ‘resistenza’. Ciò significa che le narrazioni tradizionali dalla prospettiva classica, o di prodezza tecnologica, devono essere sostituite. Dobbiamo renderci conto che siamo in un’epoca della realizzazione della ‘Società dello spettacolo’ di Guy Debord. L’arte è una possibile forma di resistenza, un modo di mettere in prospettiva una serie di codici, di

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Lampoon Magazine

Lampoon Magazine1 min read
The Fashionable Lampoon (Italian aversion)
EDITOR IN CHIEF CARLO MAZZONI HEAD OF CONTENT ANN-MARIE VOINA MANAGING EDITOR MATTEO MAMMOLI SENIOR EDITOR CESARE CUNACCIA WEB EDITOR ÉMILIE FOUILLOUX PUBLISHER MARINA LEMESSI DIGITAL PUBLISHING ANNE-CLÉMENCE GARIEL GRETA POSS SEO EDITOR & CIRCULA
Lampoon Magazine4 min read
Josefin Liljeqvist You Buy A Shoe And You Meet The Cow Who Got Killed To Make It
La designer svedese Josefin Liljeqvist – suo il marchio fondato nel 2015 – cercava una legislazione in materia di benessere degli animali. Nel rivolgersi alla Ethical Fashion Initiative delle Nazioni Unite, ha raccolto la domanda dei consumatori che
Lampoon Magazine1 min read
Penumbra Gio Ponti / Alvar Aalto A Talk That Never Took Place
Due signori uniti da un mito. Uno è finlandese e si chiama Alvaar Aalto, l’altro è italiano e si chiama Gio Ponti. I nordici inventano il mito mediterraneo come nostalgia di un sacro fatto di volumi che sembra inverarsi in una sequenza di catacombe n

Related