Mistero Magazine

LILLY e il vampiro di Atlas

Fuori dalla finestra è spuntata l’alba, il vampiro si è dissolto, Lilly è morta. Il corpo della donna giace sul sofà, sotto la carta da parati cascante e i quadretti ornamentali alle pareti, un preservativo tra le gambe e giù botte alla testa fino a farla morire. Nessun mistero, dunque. Mercoledì 4 maggio 1932 Lilly Lindeström ha rimesso l’anima a Dio. Il corpo no, non le apparteneva più. La domanda è: può un vampiro abdicare a se stesso? Può un discepolo del male risparmiare la più sciagurata delle creature? No, non può. Non nella più maledetta delle storie vampiresche.

L’ULTIMO CLIENTE

È la notte di un quasi mercoledì e siamo al centro del quartiere industriale Atlas – un agglomerato di palazzine tirate su alla svelta nel cuore di Stoccolma –, a cento metri da un bilocale che dà su Sankt Eriksplan, la casa di Lilly. Il cielo è nero. Lei se ne sta affacciata alla finestra della camera da letto immersa nell’albeggiare elettrico. Sulle labbra un filo di rossetto, le gote stinte e una vestaglia di organza lasciata cadere sui seni; insolente e svuotata come una modella di Egon Schiele. Aspetta un cliente, Lilly, l’ultimo della giornata. Le rose a centro tavolo, i cuscini damascati sul talamo e una passata di lisoformio sulle piastrelle: la casa è pronta per riceverlo. Una manciata di minuti e lui salirà nell’alcova. Ma prima c’è un androne, la rampa di scale e una porta da attraversare. Ma prima c’è stata la vita. Lilly Elisabeth Maria

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Mistero Magazine

Mistero Magazine2 min read
UMANITÀ All’incanto
Un certo Joshua Drill cedeva al miglior offerente, il 30 luglio 1845, alcuni suoi possedimenti: una trebbiatrice, mobili per la casa, quaranta capi di maiale (più altri animali d'allevamento) e due neri, di cui uno schiavo a vita – si precisa – e un'
Mistero Magazine2 min read
ILCOMPLOTTO Dei Complotti
La storia è costruita sulle spalle delle cospirazioni: che sia l’omicidio di Cesare o la Congiura dei Pazzi, sono sempre state le mosse dietro le quinte a portare avanti il filo del discorso. La facciata è solo il risultato di una trama che viene tes
Mistero Magazine7 min read
Il Conte DRACULA In Sud Italia?
«All’interno c’era un vecchio, alto, sbarbato ma con lunghi baffi bianchi, vestito di nero dalla testa ai piedi: neppure una nota di colore in tutta la sua persona». Questa descrizione lapidaria la ritroviamo in uno dei libri gotico-horror tra i più

Related Books & Audiobooks