Fortune Italia

LA GUERRA CIVILE DI GOOGLE

TUTTO È INIZIATO A TOKYO, il primo novembre del 2018 quando 100 dipendenti sono usciti dagli uffici di Google alle 11:10 del mattino, ora locale. Tredici ore dopo, gli ascensori del quartier generale della società a New York erano talmente affollati che i lavoratori usavano le scale per scendere in strada a scioperare. I dipendenti di Google a Austin, per protestare, hanno osservato due minuti di silenzio per le vittime di violenza sessuale, durante la loro manifestazione. A San Francisco, centinaia di dipendenti si sono riuniti di fronte allo storico Ferry Building cantando all’unisono “time’s up at Google”, sbandierando cartelli con slogan come “i diritti dei lavoratori sono i diritti delle donne”. Dopo che anche i Googlers di Sydney hanno abbandonato gli uffici, 25 ore dopo che l’Asia aveva dato il via alla dimostrazione, 20mila dipendenti di Google in 50 città di tutto il mondo si sono uniti ai loro colleghi per protestare per la gestione dei casi di molestie sessuali da parte dell’azienda.

La scintilla che ha fatto scattare la grande protesta, è stato un articolo apparso la settimana prima sul New York Times, secondo il quale Google avrebbe pagato all’ex dirigente Andy Rubin 90 mln di dollari come buonuscita, nonostante fosse stato accusato di abusi sessuali, accuse che la stessa Google aveva ritenuto credibili. In una dichiarazione al Times, Rubin ha detto che la storia conteneva “numerose inesattezze circa il suo impiego”. Era la prima volta che il mondo vedeva una protesta di tali proporzioni da parte dei dipendenti di un colosso dell’industria tecnologica. E sicuramente era la prima volta che un outsider poteva sbirciare dentro le mura di Google e vedere la rabbia e la frustrazione percepita da alcuni dipendenti. Ma all’interno del Googleplex, il malcontento che aveva alimentato lo sciopero si stava accumulando da mesi. Le tensioni erano in aumento da quando i dipendenti si erano scontrati con la direzione per alcune decisioni commerciali controverse prese in segreto: sul trattamento di gruppi emarginati di dipendenti, sulle molestie e sul trolling dei lavoratori sulle piattaforme interne dell’azienda. “È la guerra culturale americana riprodotta su micro-scala”, afferma Colin McMillen, un ingegnere che ha lasciato la società nel mese di febbraio. Per molti osservatori esterni, la forza lavoro della big tech - notoriamente ben pagata e coccolata con numerosi benefit - non sembra nella posizione di potersi lamentare. È strano ascoltare note così amare dai dipendenti di uno dei titani della Silicon Valley, un luogo che è stato a lungo venerato come l’altare della meritocrazia e del tecno-futurismo più utopico.

Ma negli ultimi anni, lo statement della missione de facto dell’azienda - cambiare il mondo (e fare soldi facendolo!) - è stato messo in discussione in quanto si moltiplicano gli esempi del potere sistruttivo della tecnologia: dalle interferenze elettorali alla tossicità sulle piattaforme dei social media, dalle violazioni della privacy alla dipendenza dalla tecnologia. Nessuno è più vicino alla crescente potenza della tecnologia, così come ai suoi problemi etici, degli stessi dipendenti che contribuiscono a crearla. “La gente sta cominciando a dire non voglio

You’re reading a preview, subscribe to read more.

More from Fortune Italia

Fortune Italia2 min read
Le Donne Della Difesa
Tenente colonnello dell’Aeronautica, Capo Ufficio Operazioni del 37° Stormo È stata la prima donna a guidare gli Eurofighter F2000 che l’Aeronautica militare utilizza per la difesa degli spazi aerei. Per questo viene definita la ‘Top Gun’ italiana. M
Fortune Italia4 min read
Il Futuro Del Tabacco
TADEU MARROCO è il Chief executive che non ti aspetti. Il numero uno di British American Tobacco dal 2023 non è il classico manager ingessato, rigido che tiene le distanze dandoti del lei: ti accoglie col sorriso, chiede se potete darvi del tu e ti f
Fortune Italia2 min read
Tempo Di Saluti E Ringraziamenti
Le nuove frontiere della Space economy rappresentano uno dei pilastri dell’informazione del numero di giugno della rivista. Ce ne occupiamo perché è fra le traiettorie di crescita economica più importanti per il futuro dell’Italia: dalla ricerca e sv

Related